Pubblicita'
www.cellularitalia.com
      www.cellularitalia.com  Segui CellularItalia su Twitter Segui CellularItalia su Facebook 

COMUNICATO ADUC

Cosa succede ai clienti Blu passati a Wind?
Le pressioni che stanno ricevendo dall'operatore dell'Enel per abbandonare subito i loro profili tariffari, rientrano negli accordi dello "spezzatino"? L'Aduc chiede l'intervento dell'Autorita' delle Comunicazioni

Firenze, 23 ottobre 2002. Tutti i 600 mila clienti dell’operatore di telefonia mobile Blu sono stati acquisiti da Wind, con l’accordo conosciuto come "spezzatino", in cui c’e’ l’impegno, dell’operatore dell’Enel, a mantenere i profili tariffari di Blu.
Cosa che ci sembra non stia accadendo. A suo tempo abbiamo denunciato a proposito la sospensione che gli utenti di Blu hanno avuto per la possibilita’ di trasferire il loro numero ad altri operatori.
In questi giorni la Wind sta inviando messaggi ai nuovi clienti acquisiti con cui li invita a mettersi in contatto con i suoi operatori che, in modo molto spicciolo fanno pressione perche’ passino a Wind, adeguandosi alle loro tariffe, pena la perdita dei crediti ancora in essere con il vecchio profilo tariffario.
Come logica e codice civile ci insegnano, un contratto e’ tale fino alla sua programmata scadenza, quando entrambe le parti sono libere di decidere come e se continuare. Certamente da un contratto si puo’ anche recedere anticipatamente, secondo le modalita’ che nello stesso sono riportate o mettendosi d’accordo (con o senza l’ausilio giudiziale) qualora queste indicazioni non ci siano; e in genere chi decide di recedere prima della scadenza, paga qualcosa a chi subisce questo recesso.
Ma non ci sembra questo cio’ che sta tentando Wind. Con azioni decisamente discutibili dal punto di vista della cortesia commerciale. Ma su cui nutriamo dei forti dubbi anche per la correttezza normativa, in riferimento a quanto stabilito nel momento in cui i 600 mila clienti Blu sono stati acquisiti.
Per questo motivo abbiamo chiesto un intervento dell’Autorita’ per le Garanzie nelle Comunicazioni. Che’ verifichi se tutto sta procedendo cosi’ come dovrebbe, o se queste azioni siano una violazione degli accordi e, di conseguenza, stabilisca le penali riparatorie che Wind deve agli ancora clienti Blu.

Vincenzo Donvito, presidente Aduc
(Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori)


Indietro
Home









Pubblicità








Copyright © 1999-2022 CellularItalia - Tutti i diritti riservati