Pubblicita'
www.cellularitalia.com
      www.cellularitalia.com  Segui CellularItalia su Twitter Segui CellularItalia su Facebook 

Tim e Associazioni dei Consumatori firmano il protocollo d'intesa per gestione Procedura di conciliazione online

Roma, 23 luglio 2004 - TIM e le principali Associazioni dei Consumatori italiane hanno siglato oggi a Roma il Protocollo d'intesa sulla Procedura di conciliazione on line per la composizione delle controversie tra l'Azienda e i clienti. L'accordo è stato sottoscritto dall'Amministratore Delegato di TIM, Marco De Benedetti, e dai rappresentanti delle maggiori Associazioni dei Consumatori italiane quali: ACU, ADICONSUM, ADOC, ADUSBEF, ALTROCONSUMO, ASSOUTENTI, CITTADINANZATTIVA, FEDERCONSUMATORI, LEGA CONSUMATORI, MOVIMENTO CONSUMATORI, MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO, UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI. Il Protocollo rappresenta la continuità degli impegni presi nei precedenti accordi tra l'Azienda e le Associazioni.
Usufruire della nuova procedura è molto semplice: dopo essersi collegati al web di TIM (www.tim.it) un link al sito www.timxte.tim.it permette l'accesso all'area dedicata ai consumatori, che è divisa in una parte pubblica e in una privata.
La parte pubblica è una vera e propria finestra sui temi legati al mondo dei consumatori, ed offre inoltre, tutte le informazioni necessarie per approfondirne gli aspetti e le problematiche. La parte privata è dedicata alla gestione della Procedura di conciliazione, a cui possono accedere esclusivamente le Associazioni dei consumatori che hanno aderito all'accordo. I consumatori potranno stampare direttamente dal sito i moduli necessari ad avviare le procedure di conciliazione e le Associazioni potranno gestire per via telematica le controversie dei consumatori che si recheranno presso le loro sedi.
Con l'attivazione della Procedura di conciliazione su piattaforma Web, TIM offre ai suoi clienti la possibilità di comporre in modo rapido e completamente gratuito le eventuali controversie che possono verificarsi su vari temi, come il rimborso dell'anticipo conversazioni, la cessazione del contratto di abbonamento, i Servizi a Valore Aggiunto, le domiciliazioni bancarie e altro ancora.
Questa iniziativa è la prima sperimentazione a livello europeo, da parte di un'azienda di telecomunicazioni che prevede una procedura conciliativa gestita completamente on line. La procedura è in grado di fornire, rivolgendosi ad una delle Associazioni aderenti all'accordo, la gestione a distanza delle varie problematiche, nel piu' ampio rispetto degli standard di sicurezza.
La Procedura di conciliazione on line partirà subito dopo l'estate, non appena verrà completato un periodo di formazione di "conciliatori" che seguiranno la risoluzione delle controversie. Per i primi quattro mesi di sperimentazione la procedura sarà operativa presso le sedi nazionali delle Associazioni, con la possibilità di estenderla, poi, a tutto il territorio nazionale.
Con questo accordo, primo nel suo genere in tutta Europa, TIM, azienda leader nel campo delle telecomunicazioni mobili, conferma l'attenzione che da sempre dimostra verso le esigenze dei consumatori, anche attraverso la ricerca del dialogo con le Associazioni che li tutelano, nella consapevolezza del ruolo sempre piu' determinante che queste giocano nella vita delle aziende.
Dalla sensibilità verso questo fenomeno, è nata l'esigenza di creare un'area dedicata non soltanto alla gestione della Procedura conciliativa, ma anche alla diffusione di una cultura orientata alla comprensione delle esigenze dei consumatori, attraverso la raccolta, lo studio e l'approfondimento dei temi nati in questo ambito. Con la firma di questa intesa, inoltre, TIM mette a disposizione dei propri clienti uno strumento tecnologico avanzato, in grado di rendere facile, veloce e gratuita la risoluzione delle controversie, confermando il perseguimento di uno dei valori fondamentali dell'Azienda, quello della trasparenza.


- Forum dedicato a Tim
-
Pagina Tim



Indietro
Home









Pubblicità








Copyright © 1999-2023 CellularItalia - Tutti i diritti riservati