Pubblicita'
www.cellularitalia.com
      www.cellularitalia.com  Segui CellularItalia su Twitter Segui CellularItalia su Facebook 

Wind: primi nove mesi 2006 in forte crescita
- Utile di gruppo a 56 milioni di euro contro una perdita di 133 milioni di euro nello stesso periodo dell’anno precedente
- Restituzione anticipata del debito per ulteriori 462 milioni di euro.

22 novembre 2006 - Risultati Wind presentati al 30 settembre 2006:
- Ricavi totali nei primi nove mesi del 2006 pari a 3.697 milioni di euro, in crescita del 3,4% rispetto allo stesso periodo del 2005;
- Ricavi da servizi di telecomunicazioni in crescita del 6,2% a 3.572 mln di euro;
- EBITDA nei nove mesi al 30 settembre 2006 pari a 1.269 milioni di euro, in crescita del 16,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso;
- Risultato operativo (EBIT) in forte progresso a 495 milioni di euro, +78% rispetto ai 277 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno precedente;
- Risultato ante imposte pari a 159 milioni di euro contro una perdita di 100 milioni dell’anno precedente;
- Risultato netto nei primi nove mesi del 2006 positivo per 56 milioni di euro contro una perdita di 133 milioni di euro registrata nei primi nove mesi del 2005;
- Nell’ultimo anno rimborsato anticipatamente circa 1 miliardo di euro di debito;
- 14,5 milioni di clienti nella telefonia mobile, +9% rispetto al 30 settembre 2005;
- ARPU della telefonia mobile in aumento per il secondo trimestre consecutivo a 19,7 €uro;
- Aumento clienti broadband a 711 mila, in crescita del 28% rispetto al 30 settembre 2005;
- Clienti sulla rete fissa in accesso diretto 773 mila, in crescita del 47% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente;
- Terzo trimestre 2006, il migliore nella storia del gruppo.

Nove mesi 2006
- Nei primi nove mesi del 2006 Wind ha registrato ricavi pari a 3.697 milioni di euro in crescita del 3,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nello stesso periodo i ricavi da servizi di telecomunicazioni raggiungono 3.572 milioni di euro, in crescita del 6,2% rispetto al periodo gennaio-settembre 2005 come risultato dell’ulteriore progresso nella telefonia mobile, che registra ricavi per 2.373 milioni di euro, in crescita del 13,4% rispetto ai primi nove mesi del 2005. Prosegue il trend di crescita dell’ARPU della telefonia mobile che raggiunge i 19,7 euro, in controtendenza rispetto al mercato e nonostante l’ulteriore riduzione delle tariffe di interconnessione avvenuta a luglio 2006. I ricavi da servizi di telefonia fissa ed internet si attestano a 1.199 milioni di euro in diminuzione del 5,8% rispetto all’anno precedente come risultato della diminuzione del traffico internazionale e della riduzione della clientela indiretta e narrowband non ancora compensata dal maggiore traffico generato. La rifocalizzazione sui clienti diretti e broadband ha garantito un miglioramento della marginalità nella telefonia fissa.
- L’EBITDA normalizzato1 dei primi nove mesi del 2006 raggiunge 1.269 milioni di euro, contro un risultato di 1.089 milioni di euro nel corrispondente periodo del precedente anno registrando una crescita del 16,5% come effetto del risultato combinato della crescita dei ricavi e dell’opera di riduzione dei costi per circa 60 milioni di euro. L’EBITDA margin normalizzato presenta un incremento di 4 punti percentuali attestandosi al 34,3%.
- Il risultato operativo (EBIT) dei nove mesi al 30 settembre 2006 presenta una crescita del 78% rispetto all’anno passato attestandosi a 495 milioni di euro. Il risultato ante imposte raggiunge 159 milioni di euro rispetto alla perdita di 100 milioni di euro per lo stesso periodo dell’anno precedente.
Il risultato netto nei primi nove mesi del 2006, positivo per 56 milioni di euro, è in netto miglioramento rispetto alla perdita di 133 milioni di euro nello stesso periodo dell’anno precedente, confermando il trend positivo riscontrato nel corso dell’anno.
- Nel corso dell’anno è proseguita la forte generazione di cassa che consente alla società di rimborsare, con circa due anni e mezzo di anticipo, le quote di debito ad oggi previste per fine 2008 e metà 2009 per un importo totale di circa €462 milioni, portando a circa un miliardo di euro l’ammontare di debito che sarà rimborsato anticipatamente nell’ultimo anno.
- Al 30 settembre 2006, l’indebitamento finanziario netto di Wind è pari a 6.024 milioni di euro.
L’indebitamento finanziario consolidato di Wind Acquisition Finance S.p.A., di cui è prevista la fusione con Wind entro la fine dell’anno, ammonta a 7.115 milioni di euro, in diminuzione di 231 milioni di euro rispetto al 30 giugno 2006 e di 568 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2005.

Risultati commerciali
- Nei primi nove mesi del 2006 Wind ha ulteriormente incrementato la propria customer base nella telefonia mobile raggiungendo i 14,5 milioni di clienti, con una crescita di oltre 1,2 milioni di clienti rispetto al 30 settembre 2005. Tale crescita è frutto del successo riscosso dall’offerta Wind, ulteriormente arricchita e semplificata, e dal crescente interesse del mercato per servizi convergenti fisso-mobile come l’opzione Noi Italy.
- L’ARPU si attesta a 19,7 euro in crescita rispetto ai 19,1 euro registrati nel terzo trimestre 2005 nonostante la forte pressione competitiva e l’ulteriore riduzione della tariffe di terminazione intervenuta il 1 luglio 2006.
- Nella telefonia fissa Wind ha registrato un’ulteriore crescita dei clienti voce collegati in accesso diretto (unbundling) raggiungendo i 773 mila clienti, con una crescita di circa 177 mila unità dall’inizio dell’anno e del 47% rispetto allo stesso periodo del 2005; tale crescita compensa la diminuzione di clienti voce in accesso indiretto, a marginalità inferiore. Questo successo è frutto dell’ulteriore segmentazione dell’offerta Infostrada che propone soluzioni mirate per ogni esigenza a costi competitivi. Prosegue inoltre lo sviluppo delle offerte integrate voce-Internet, come ad esempio Libero Absolute ADSL, che riscuotono un interesse sempre maggiore nel mercato.
- Nei nove mesi al 30 settembre 2006, Wind ha ulteriormente incrementato i propri clienti Internet con accesso broadband che raggiungono 711 mila, con un aumento di circa 110 mila nuovi clienti dall’inizio dell’anno e del 28% rispetto al 30 settembre 2005, confermando la leadership del portale Libero nel mercato italiano.

Terzo trimestre 2006
- Il terzo trimestre del 2006 ha registrato la migliore performance dallo start-up del gruppo. Nel trimestre chiusosi il 30 Settembre 2006, Wind ha registrato ricavi pari a 1.270 milioni di euro, in crescita del 5,6% rispetto allo stesso periodo del 2005. I ricavi da servizi di telecomunicazioni nel terzo trimestre crescono del 5,5% e si attestano a 1.224 milioni di euro.
- Nel terzo trimestre 2006 l’EBITDA ammonta a 464 milioni di euro, in aumento del 18,6% rispetto al terzo trimestre del 2005, portando l’EBITDA margin dal 32,5% del terzo trimestre 2005 al 36,5% del terzo trimestre 2006.
- Il risultato operativo (EBIT) del trimestre presenta una crescita del 105% rispetto all’anno passato attestandosi a 202 milioni di euro.
Il risultato netto del trimestre, positivo per 37 milioni di euro, è in netto miglioramento rispetto alla perdita di 37 milioni di euro nello stesso periodo dell’anno precedente.


- Forum dedicato a Wind
-
Pagina Wind


Pubblicità

Indietro
Home









Pubblicità








Copyright © 1999-2020 CellularItalia - Tutti i diritti riservati