Pubblicita'
www.cellularitalia.com
      www.cellularitalia.com  Segui CellularItalia su Twitter Segui CellularItalia su Facebook 


Wind non elimina il "Costo di Ricarica"
Dal 5 marzo 2007

  • Wind non elimina il "Costo di Ricarica"
    Wind con una scelta incomprensibile ha deciso, almeno per ora, di non adeguarsi al Decreto sulle liberalizzazioni (Decreto Legge Numero 7 del 31 gennaio 2007) mantenedo i costi di ricarica per tutti i piani attualmente in commercio.
    Il decreto parla chiaro: "... e' vietata, da parte degli operatori della telefonia mobile, l'applicazione di costi fissi e di contributi per la ricarica di carte prepagate, anche via bancomat o in forma telematica, aggiuntivi rispetto al costo del traffico telefonico richiesto, nonche' la previsione di termini temporali massimi di utilizzo del traffico acquistato." Ogni eventuale clausola difforme e' nulla ai sensi dell'articolo 1418 del codice civile. Gli operatori adeguano la propria offerta commerciale alle predette disposizioni entro il termine di trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto.
    - Wind, con una interpretazione di comodo, ha inteso applicare tale imposizione di legge solo ai nuovi clienti attivati dal 4 marzo 2007 con uno dei piani della nuova offerta ricaricabile, in vigore sempre dal 4 marzo 2007.
    - Non sappiamo chi abbia deciso, consigliato e/o approvato tale fantasiosa interpretazione, di certo è qualcuno che ha problemi a capire il senso di una legge e a comprendere il significato delle parole.
    - Quando il decreto parla di adeguare la propria offerta commerciale è chiaro ed evidente che si intende l'adeguamento non tanto dei profili tariffari, ma specificatamente del prodotto "Ricarica Carte Prepagate", che non dovrà avere costi fissi e aggiuntuivi rispetto al traffico telefonico acquistato.
    - A nostro avviso, se dal 5 marzo 2007 una qualsiasi Ricarica Wind, dovesse prevedere un costo fisso aggiuntivo rispetto al credito telefonico acquistato (a prescindere da nuovi e vecchi piani), ci troveremmo di fronte ad una palese violazione di un obbligo di legge, sanzionabile dalle Autorità preposte e contestabile dai singoli clienti con segnalazione all'AGCOM.
    - Del resto se tutti gli altri 3 gestori (Tim, Vodafone e 3) hanno inteso applicare correttamente gli obblighi del Decreto ... può essere che Wind sia l'unico gestore che ne abbia capito il vero significato??

    - Come si comporteranno i clienti Wind quando capiranno che sono gli unici che continuano a pagare i costi di ricarica?
    - Cosa faranno quando, per usufuire dell'abolizione dei costi di ricarica, si sentiranno rispondere che devono passare alla nuova versione del piano "Senza Scatto New" (24 €cent/min, Sms a 15 €cent) e subire un aumento del +26% per il traffico voce ed un aumento del +50% per traffico Sms, rispetto alla vecchia versione "Wind Senza Scatto" (19 €cent/min, Sms a 10 €cent)??

  • Comunicazione ai rivenditori Wind
    Riportiamo di seguito la comunicazione ufficiale, che Wind ha inoltrato ai propri rivenditori, dove viene chiarito che i clienti Wind che non migreranno vs. un piano della nuova offerta commerciale in vigore dal 4 marzo 2007, continueranno a mantenere inalterate le condizioni pre-esistenti, compresi i costi di ricarica.
    ------------------------------------------------------------

    -------------------------------------------------------

  • Forum dedicato a Wind
  • Pagina Wind
Pubblicità

Home









Pubblicità








Copyright © 1999-2020 CellularItalia - Tutti i diritti riservati